Una fobia è la paura intensa, persistente e duratura, provata per una specifica cosa o situazione. Generalmente le fobie sono manifestazioni emotive sproporzionate (molto spesso di paura e ansia) rispetto a qualcosa che non rappresenta un reale pericolo, ma l’individuo percepisce questo stato emotivo come non controllabile, anche mettendo in atto strategie cognitive o comportamentali utili per fronteggiare la situazione.

Chi soffre di fobie è sopraffatto dal terrore di entrare in contatto con ciò che teme: animali, rettili o insetti (es. ragni, lucertole, serpenti, gatti, ecc.), un’emozione (es. innamorarsi o essere criticato),  una situazione (es. volare o guidare) o eventi “specifici” come fulmini o vento.

Sintomi delle Fobie

I sintomi fisiologici più comuni provati da chi soffre di fobie sono: tachicardia, vertigini, disturbi gastrici e urinari, nausea, diarrea, senso di soffocamento, rossore, sudorazione eccessiva, tremito e spossatezza. Ovviamente, tali manifestazioni patologiche si attuano solo alla vista della cosa temuta, al pensiero o alla visualizzazione mentale su di essa.

Fobie e Evitamento

I fobici, sono sostanzialmente degli ansiosi e come tali “funzionano” (cioè pensano e agiscono), nel senso che tendono a evitare le situazioni associate alla paura, ma alla lunga questo meccanismo diventa una vera e propria trappola. Infatti, l’evitamento non fa altro che andare a confermare la pericolosità della situazione elusa e prepara all’evitamento successivo. Si crea, così un circolo vizioso, che da una parte porta a essere sfiduciati nelle proprie capacità e dall’altra compromette le relazioni sociali, perché può accadere che, ad esempio, pur di evitare la cosa temuta (come lo stare in ambienti con molte persone) si è pronti a rinunciare magari a una serata tra amici. Altri esempi possono essere quelli in cui chi ha la fobia degli aghi e delle siringhe potrà rinunciare ai controlli medici; chi teme i cani eviterà tutte le situazioni in cui saranno presenti; chi ha paura di volare preferirà utilizzare mezzi alternativi per raggiungere la propria meta (come auto, treno, autobus), anche al costo di allungare di molto il tempo necessario per raggiungerla e, nonostante, magari, il costo in termini di sforzo fisico e/o di sacrifici economici. 

Tipologie di fobie

Esistono diverse tipologie di fobie. Possiamo avere fobie generalizzate, come l’agorafobia, cioè la paura degli spazi aperti, e la fobia sociale, cioè la paura di esporsi in pubblico.

Possiamo avere anche fobie specifiche inerenti oggetti, animali e condizioni fisiche o emotive ad esse relative. Queste sono generalmente gestite evitando (attraverso il meccanismo dell’evitamento) gli stimoli temuti.

Ecco una lista delle fobie conosciute (sia quelle più comuni che quelle più rare o “particolari”):

Ablutofobia: paura di lavarsi o fare il bagno.

Acarofobia: paura di avere prurito; degli insetti che causano prurito.

Acatartofobia: paura dello sporco e della polvere.

Acerofobia: paura dell’acidità.

Acluofobia: paura del buio.

Acrofobia: paura dell’altezza e dei luoghi alti.

Acusticofobia: paura dei rumori.

Aeroacrofobia: paura di posti alti e aperti.

Aerofobia: paura dell’aria (di inghiottire aria; di aria contaminata).

Aeronausifobia: paura di vomitare a causa del mar d’aria.

Afefobia: paura del contatto, di esser toccati.

Agiofobia: paura dei santi, delle cose sacre.

Agliofobia: paura del dolore.

Agorafobia: paura degli spazi aperti o dei luoghi affollati (da agorà, piazza).

Agrafobia: paura degli abusi sessuali.

Agrizoofobia: paura degli animali selvatici.

Agyrofobia: paura delle strade o di attraversare le strade.

Aicmofobia: paura degli oggetti acuminati e taglienti.

Ailurofobia: paura dei gatti.

Albuminurofobia: paura di ammalarsi ai reni.

Alectorofobia: paura dei polli.

Algofobia: paura di soffrire (di provare dolore).

Alliumfobia: paura dell’aglio.

Allodoxafobia: paura delle opinioni diverse dalle proprie.

Altofobia: vedi acrofobia

Amartofobia: paura di sbagliare o peccare.

Amatofobia: paura della polvere.

Amaxofobia: paura di guidare un’automobile.

Ambulofobia: paura di camminare.

Amnesifobia: paura di soffrire di amnesia.

Amycofobia: paura dei graffi o di essere graffiato.

Anablefobia: paura di guardare in alto.

Anchilofobia: paura dell’immobilità di un’articolazione.

Ancraofobia: vedi Anemofobia.

Androfobia: paura degli uomini (maschi).

Anemofobia: paura del vento, delle correnti d’aria.

Anginofobia: paura di soffocare.

Anglofobia: paura dell’Inghilterra, degli inglesi.

Angrofobia: paura di avere fame e non trovare cibo. Gli angrofobici portano sempre con sé qualcosa da mangiare.

Antlofobia: paura delle inondazioni.

Antofobia: vedi Antrofobia.

Antrofobia: paura dei fiori.

Antropofobia: paura della gente e dei contatti sociali (dal greco “anthropos”, uomo).

Anuptafobia: paura di non sposarsi.

Apeirofobia: paura dell’infinito.

Apifobia: paura delle api.

Apotemnofobia: paura delle persone con amputazioni.

Arachibutyrofobia: paura del burro di arachidi attaccato al palato.

Aracnefobia: vedi Aracnofobia.

Aracnofobia: paura dei ragni.

Arithmofobia: paura dei numeri.

Arsonfobia: vedi pirofobia.

Asimmetrofobia: paura delle cose non simmetriche.

Astenofobia: paura di svenire o di sentirsi deboli.

Astrafobia: paura dei tuoni e dei fulmini.

Astrofobia: vedi siderofobia.

Ataxofobia: paura dell’atassia (scoordinamento dei muscoli).

Athazagorafobia: paura di essere dimenticati o ignorati, o di dimenticare.

Atefobia: paura delle rovine.

Atelofobia: paura dell’imperfezione.

Atomosofobia: paura delle esplosioni atomiche.

Atychifobia: paura di fallire.

Aulofobia: paura dei flauti.

Aurofobia: paura dell’oro.

Aurorafobia: paura dell’aurora.

Autofobia: paura di essere soli o di se stessi.

Autodismorfofobia: paura di essere sgradevoli, brutti.

Automatonofobia: paura di tutto ciò che è fatto ad imitazione di un essere umano (burattini, bambole, statue di cera, spaventapasseri)

Automisofobia: paura di essere sporchi.

Aviatofobia: vedi aviofobia.

Aviofobia: paura di volare (paura degli aerei)

Bacillofobia: paura dei microbi.

Bacteriofobia: paura dei batteri.

Ballistofobia: paura dei proiettili.

Barofobia: paura della gravità (del peso).

Basifobia: vedi basofobia.

Basofobia: paura di cadere (se si sta in piedi o si cammina).

Batofobia: paura della profondità e delle altezze.

Batonofobia: paura delle piante.

Batracofobia: paura delle rane e degli anfibi.

Belonefobia: vedi aicmofobia.

Bibliofobia: paura dei libri (da biblios, libro).

Biofobia: paura della convivenza con esseri umani o animali.

Blennofobia: paura delle cose viscide.

Bogyfobia: paura dei folletti o degli spauracchi.

Bolscefobia: paura dei Bolscevici.

Bribolofobia: paura dei briboli (o triboli).

Bromidrofobia: paura degli odori corporei.

Bromidrosifobia: vedi bromidrofobia.

Brontofobia: paura dei tuoni.

Bufonofobia: paura dei rospi.

Cacofobia: paura della bruttezza.

Cainofobia: paura di cose o idee nuove.

Cainotofobia: vedi cainofobia.

Calliginefobia: paura delle donne belle.

Cancerofobia: paura di ammalarsi di cancro

Carcinofobia: vedi cancerofobia.

Carcinomafobia: vedi cancerofobia.

Cardiofobia: paura del cuore o delle malattie del cuore.

Carnofobia: paura della carne.

Catagelofobia: paura di essere ridicolizzati e presi in giro.

Catapedafobia: paura di saltare.

Catisofobia: paura di sedersi.

Cenofobia: vedi cainofobia.

Cenotofobia: vedi cainofobia.

Ceraunofobia: paura dei tuoni.

Chaetofobia: paura dei capelli.

Cheimafobia: paura del freddo.

Cheimatofobia: vedi cheimafobia.

Chemofobia: paura delle sostanze chimiche.

Cherofobia: paura della felicità.

Chinofobia: paura della neve.

Chiraptofobia: paura di essere toccati.

Chorofobia: paura di ballare.

Chrometofobia: paura del denaro.

Cibofobia: paura del cibo.

Ciclofobia: paura delle biciclette.

Cinetofobia: paura del movimento.

Cinofobia: paura dei cani (di essere morsi).

Claustrofobia: paura degli spazi chiusi.

Cleisiofobia: paura di essere rinchiusi in un luogo.

Cleithrofobia: vedi cleisiofobia.

Cleptofobia: paura di rubare.

Climacofobia: paura delle scale o di cadere dalle scale.

Clinofobia: paura di andare a letto.

Cnidofobia: paura degli spaghi.

Coimetrofobia: paura dei cimiteri.

Coitofobia: paura dell’atto sessuale.

Colerofobia: paura della rabbia (di provare rabbia).

Cometofobia: paura delle comete.

Contreltofobia: paura dell’abuso sessuale.

Coprastasofobia: paura della costipazione.

Coprofobia: paura delle feci.

Coulrofobia: paura dei clown.

Counterfobia: il piacere di un fobico nel ricercare situazioni che lo spaventano.

Crematofobia: vedi chrometofobia.

Cremnofobia: paura dei precipizi.

Criofobia: paura del freddo, del gelo, del ghiaccio.

Cristallofobia: paura del vetro, dei cristalli.

Cromatofobia: paura dei colori.

Cromofobia: vedi cromatofobia

Cronofobia: Paura del tempo, da cronos (“tempo”).

Cronometrofobia: paura degli orologi.

Cyberfobia: paura dei computer o di lavorare al computer.

Cymofobia: paura delle onde o di movimenti ondeggianti.

Cyprifobia: paura delle prostitute o delle malattie veneree.

Cyprianofobia: vedi Cyprifobia.

Cypridofobia: vedi Cyprifobia.

Cyprinofobia: vedi Cyprifobia.

Daemonofobia: paura dei demoni

Decidofobia: paura di prendere decisioni.

Defecaloesiofobia: paura di una defecazione dolorosa.

Deipnofobia: paura di cenare o di conversare a cena.

Dementofobia: paura della follia.

Demofobia: paura della folla.

Demonofobia,: vedi daemonofobia.

Dendrofobia: paura degli alberi.

Dentofobia: paura dei dentisti.

Dermatofobia: paura delle lesioni o delle malattie alla pelle.

Dermatopatofobia: vedi dermatofobia.

Dermatosiofobia: vedi dermatofobia.

Dextrofobia: paura degli oggetti alla destra del corpo.

Diabetofobia: paura del diabete.

Didascaleinofobia: paura di andare a scuola.

Dichefobia: paura della giustizia, dei giudici o dei processi.

Dinofobia: paura delle vertigini o dei vortici.

Diplofobia: paura di vedere doppio o delle cose doppie.

Dipsofobia: paura di bere.

Disabiliofobia: paura di spogliarsi di fronte a qualcuno.

Dismorfofobia o Quasimodofobia: paura di essere o apparire deformi.

Domatofobia: paura delle case, di trovarsi in casa o nei dintorni di casa.

Dorafobia: paura del pelo o della pelle degli animali.

Dromofobia: paura dei mezzi di locomozione (treni).

Dystychifobia: paura degli incidenti.

Ecclesiofobia: paura delle chiese.

Ecofobia: paura di restare soli in casa.

Edonofobia: paura di provare piacere fisico.

Efebofobia: paura dei giovani imberbi.

Eisoptrofobia: paura degli specchi.

Electrofobia: paura dell’elettricità.

Eleuterofobia: paura della libertà.

Eliofobia: paura del Sole.

Elurofobia: vedi ailurofobia.

Ematofobia: vedi emofobia.

Emetofobia: paura di vomitare.

Emofobia: paura del sangue.

Elmintofobia: paura dei vermi o di esserne infestati.

Enetofobia: paura degli spilli.

Enissofobia: paura di aver commesso un peccato imperdonabile o di ricevere critiche.

Enofobia: paura del vino.

Enochlofobia: paura della folla.

Enosiofobia: vedi enissofobia.

Entomofobia: paura degli insetti.

Eosofobia: paura dell’alba.

Epistaxiofobia: paura delle emorragie dal naso.

Epistemofobia: paura della conoscenza.

Equinofobia: paura dei cavalli.

Eremofobia: paura di essere sé stessi o della solitudine.

Ereutofobia: paura del colore rosso, delle luci rosse o di arrossire.

Ergasiofobia,: paura di lavorare, di operare (da parte di chirurghi) o timore di agire e provocare esiti disastrosi.

Ergofobia: paura del lavoro.

Eritrofobia: vedi ereutofobia.

Erotofobia: paura dell’amore sessuale o delle questioni sessuali.

Erpetofobia: paura dei rettili o degli animali che strisciano.

Eterofobia: paura del sesso opposto.

Eufobia: paura di sentire buone notizie.

Eurotofobia: paura dei genitali femminili.

Fagofobia: paura di mangiare (o di essere mangiati).

Falacrofobia: paura delle calvizie.

Fallofobia: paura del pene (in erezione).

Farmacofobia: paura dei medicinali.

Felinofobia: vedi ailurofobia.

Filofobia: paura di innamorarsi.

Fobofobia: paura di aver paura.

Fonofobia: paura dei suoni.

Fotofobia: paura della luce

Francofobia: paura od ostilità verso la Francia o verso i francesi.

Frigofobia: vedi criofobia

Galeofobia: vedi ailurofobia.

Galiofobia: vedi francofobia.

Gamofobia: paura del matrimonio, di sposarsi.

Gatofobia: vedi ailurofobia.

Gefirofobia: paura dei ponti (di attraversare ponti).

Genufobia: paura delle ginocchia.

Gerontofobia: paura dei vecchi, di invecchiare.

Gimnofobia: paura della nudità (di essere nudi, delle persone nude).

Ginofobia: paura delle donne

Glossofobia: paura di parlare (in pubblico).

Gonofobia: paura degli angoli dei palazzi (estens. di urtare persone che sbucano da un angolo) da non confondersi con spigolofobia.

Grafofobia: paura di scrivere.

Iatrofobia: paura dei medici.

Idrofobia: paura dell’acqua.

Idrofobofobia: paura della rabbia.

Igrofobia: paura dell’umidità.

Insectofobia: vedi entomofobia.

Ipnofobia: paura di dormire.

Ippofobia: vedi equinofobia.

Ittiofobia: paura dei pesci.

Keraunofobia: paura dei tuoni.

Laliofobia: paura di parlare.

Leprofobia: paura della lebbra.

Leucofobia: paura del colore bianco.

Lilapsofobia: paura delle tempeste.

Limnofobia: paura dei laghi.

Lisifobia: Timore di lasciare delle questioni in sospeso.

Logofobia: paura delle parole (di determinate parole).

Maniafobia: paura della malattia mentale.

Mastigofobia: paura di essere puniti.

Megalofobia: paura delle cose grandi.

Melanofobia: paura del colore nero.

Melissofobia: vedi apifobia.

Melofobia: paura della musica.

Meningitofobia: paura delle malattie al cervello.

Menofobia: paura delle mestruazioni.

Metallofobia: paura dei metalli.

Micofobia: paura dei funghi.

Microbiofobia: vedi bacillofobia.

Microfobia: paura delle cose piccole.

Mirmecofobia: paura delle formiche.

Misofobia: paura di rimanere “contaminati” dal contatto con corpi estranei, più spesso dal contatto umano; ne conseguono numerose precauzioni igieniche da parte del soggetto misofobo.

Mnemofobia: paura dei ricordi.

Monofobia: paura della solitudine.

Monopatofobia: paura di ammalarsi relativa a una singola, determinata malattia.

Mottefobia: paura delle falene.

Murofobia: vedi musofobia.

Musofobia: paura dei topi.

Necrofobia: paura della morte o di corpi morti.

Nefofobia: paura delle nuvole.

Neofobia: paura delle novità.

Nictofobia: paure del buio (della notte).

Noctifobia: vedi nictofobia.

Nosocomefobia: paura degli ospedali.

Nosofobia: paura di ammalarsi.

Nudofobia: vedi gimnofobia.

Obesobofobia: paura di ingrassare.

Obofobia: paura dei barboni

Odinofobia: vedi algofobia.

Odontofobia: vedi dentofobia

Ofidiofobia: paura dei serpenti

Oicofobia: vedi domatofobia.

Oikofobia: vedi domatofobia.

Ombrofobia: paura della pioggia.

Ommetafobia: paura degli occhi.

Omofobia: paura delle persone omosessuali, di essere considerato o di diventare omosessuale.

Ornitofobia: paura degli uccelli.

Pagofobia: paura del ghiaccio.

Panofobia: paura di tutto.

Papirofobia: paura della carta.

Parassitofobia: paura dei parassiti.

Partenofobia: paura delle vergini o delle ragazze giovani.

Patofobia: paura delle malattie.

Pediculofobia: paura dei pidocchi.

Pedofobia: paura dei bambini.

Peniafobia: paura della povertà.

Pirofobia: paura del fuoco.

Placofobia: paura delle tombe (lapidi).

Plutofobia: paura della ricchezza.

Pluviofobia: paura della pioggia.

Pocrescofobia: vedi obesofobia.

Pogonofobia: paura delle barbe.

Polifobia: paura per molte cose (insieme di fobie).

Potamofobia: paura dei fiumi (dell’acqua corrente).

Radiofobia: paura delle radiazioni, dei raggi X.

Rupofobia: paura dello sporco e di ciò che non è igienico, dalla quale spesso deriva l’ossessione a pulire

Satanofobia: paura di satana o del diavolo.

Scatofobia: vedi coprofobia

Sciofobia: paura delle ombre.

Scolecifobia: paura dei vermi.

Scopofobia: paura di essere guardati.

Scopulofobia: paura degli scogli sommersi dal mare

Scotofobia: vedi acluofobia

Scotomafobia: paura di diventare ciechi.

Scriptofobia: paura di scrivere .

Selenofobia: paura della Luna.

Sesquipedalofobia: paura delle parole lunghe.

Sessuofobia: paura del sesso.

Sfecsofobia: paura delle vespe (di essere punti).

Siderodromo: paura dei treni (di viaggiare in treno).

Siderofobia: paura delle stelle.

Siderudromofobia: paura degli oggetti metallici in movimento

Simmetrofobia: paura delle cose simmetriche.

Sinofobia: paura della Cina, dei cinesi.

Sitofobia: vedi cibofobia.

Sociofobia: paura dei rapporti sociali.

Spigolofobia: paura degli oggetti spigolosi (da non confondersi con gonofobia).

Staurofobia: paura delle croci (dei crocifissi).

Stenofobia: paura degli spazi stretti.

Selacofobia: Paura degli squali.

Tacofobia: paura della velocità.

Tafofobia: paura di venire sepolti vivi.

Talassofobia: paura del mare (di annegare).

Tanatofobia: paura ossessiva della morte

Taurofobia: paura dei tori.

Tecnofobia: paura della tecnologia.

Teofobia: paura della religione, di Dio, degli dèi.

Termofobia: paura del calore.

Tomofobia: paura dei tagli, delle operazioni chirurgiche.

Topofobia: paura di determinati luoghi.

Toxofobia: paura di essere avvelenati.

Traumatofobia: paura di ferirsi.

Tricofobia: paura dei capelli.

Triscaidecafobia: paura del numero 13.

Tropofobia: paura di muoversi (di cambiare luogo).

Uranofobia: paura del cielo (del paradiso).

Urofobia: paura dell’urina (di urinare).

Vaccinofobia: paura delle vaccinazioni.

Venustrafobia: paura delle belle donne.

Verbofobia: paura delle parole.

Verminofobia: paura dei germi.

Xantofobia: paura del colore giallo.

Xenoglossofobia: Paura delle lingue straniere

Xenofobia: paura degli stranieri (degli sconosciuti).

Xerofobia: Paura della siccità.

Xylofobia: Paura degli oggetti di legno o paura dei boschi.

Zemmifobia: Paura di un grosso topo.

Zeusofobia: Paura degli dei.

Zoofobia: paura degli animali.